Percorsi Occitani

un'incredibile storia di successo ed un esempio di progetto turistico ecologico e duraturo
×Benvenuti nel sito ufficiale dei Percorsi Occitani

Percorsi Occitani - Valle Maira

I Percorsi Occitani sono il circuito escursionistico più frequentato della Valle Maira. Concepito in 18 tappe, si va dalla pianura di Villar San Costanzo fino agli alpeggi di Elva, Prazzo e Acceglio; rientro dal versante opposto passando da Chialvetta, la Gardetta, Marmora, Macra e Celle Macra.

Possibilità di anelli più brevi sull'itinerario. Lungo il percorso si trovano rifugi, posti tappa e locande con i piatti tipici occitani. Il sentiero è segnalato da pannelli in legno e tacche gialle.

Il circuito escursionistico dei Percorsi Occitani è incluso nella categoria Sentieri del censimento indetto dal FAI Fondo Ambiente Italiano per promuovere i luoghi particolarmente cari che si vorrebbe fossero conservati per le generazioni future.

×la Storia dei Percorsi Occitani

Percorsi Occitani - Valle Maira - Old

Quasi 20 anni fa, un gruppo di visionari tra cui personalità pubbliche e non, guide alpine impegnate, un presidente carismatico della Comunità Montana Valle Maira, albergatori, ristoratori, operatori turistici, avventurieri e persone a cui piace camminare, ebbero un'idea semplice, ma molto provocatoria nella sua realizzazione: rendere utilizzabili come sentieri per escursioni le antiche mulattiere della Valle Maira che, in passato, collegavano tra loro le borgate situate sui ripidi versanti delle montagne. In questo caso, i modelli da seguire sono stati la Grande Randonnée in Francia, i grandi itinerari escursionistici europei e naturalmente anche la Grande Traversata delle Alpi, GTA, che nacque alla fine degli anni settanta. Creare un circuito di sentieri da percorrere per la durata di due settimane, con tappe di diverse lunghezze, in una valle unica nel suo genere per la varietà degli ambienti, era un'idea straordinaria.

A questo scopo sono state di grande utilità le case per ferie della GTA già esistenti come Pagliero, Elva, Vernetti, Campo Base e Celle Macra, ed una piccola foresteria presente a San Martino. Questo però non era sufficiente. È stato necessario creare, per il nuovo e, contemporaneamente, antico sentiero per escursioni, delle nuove case per ferie, a distanze sostenibili tra una e l'altra. A Villar San Costanzo e Roccabruna vi erano piccoli hotel; a Macra la vecchia canonica ed a Ussolo la vecchia scuola furono risistemate come strutture ricettive in autogestione. La Comunità Montana pubblicò un piccolo opuscolo e tutto ebbe inizio. Il sentiero, allora come oggi, inizia a Villar San Costanzo, porta, alla fine della valle, sino a Chiappera ed in un vallone laterale oltre il pianoro della Gardetta proseguendo, poi, fino a Tetti per terminare a Dronero. Questo è stato contrassegnato in giallo. Contemporaneamente Werner Bätzing (il papa delle Alpi, come viene chiamato volentieri) scrisse una nuova edizione della guida escursionistica: GTA, il sud. Per la prima volta sono stati descritti in essa in lingua tedesca i "percorsi occitani". Così, divenuta nota ad una piccola cerchia di intenditori, arrivarono i primi curiosi “scopritori”, tra cui anche i Transalpedes, un gruppo di "attivisti delle Alpi" sulla via da Vienna a Nizza attraverso la Valle Maira. Tra loro vi era il giornalista ed autore Jürg Frischknecht che poco dopo ritornò con la sua compagna e coautrice Ursula Bauer. La Valle Maira li aveva catturati entrambi. Nacque l'idea di una guida escursionistica, e nel 1999 apparve la prima edizione di “Antipasti e antichi sentieri” presso l'editore Rotpunkt di Zurigo.

Iniziò quindi la storia veramente di successo dei "percorsi occitani". Nel frattempo la guida escursionistica è stata pubblicata e rivista sette volte. Agli autori Ursula Bauer e Jürg Frischknecht spetta con ciò un “monumento nazionale" poiché il successo del loro libro è divenuto contemporaneamente il successo di un ambizioso progetto turistico.

La combinazione tra buon cibo ed escursionismo in una natura incontaminata, tra albergatori amichevoli e paesaggi selvaggi sembra essere il garante di vacanze attive e rilassanti. Ormai da 20 anni i “percorsi” vengono curati, pubblicati e tenuti in vita dall'”Associazione percorsi occitani”, l'associazione dei gestori dei posti tappa. Ormai l'organizzazione conta 18 membri. I beni di lusso sono la bellezza paesaggistica mozzafiato, l'aria pulita, l'eccellente qualità dell'acqua ed il silenzio assoluto che si possono trovare ormai solo di rado nella Mitteleuropa. In Valle Maira sono ancora presenti in abbondanza! L'architettura originale, le meravigliose chiese romaniche, la musica tipica, l'eccellente cucina e la travolgente ospitalità delle persone il tutto in splendida unione con la natura e la cultura fanno di tutte le escursioni sui "percorsi" un'esperienza stupenda e rilassante.

×la Cartina dei Percorsi Occitani

Percorsi Occitani - Valle Maira - Cartina

Scopri i Percorsi Occitani attraverso la nostra Carta Interattiva

×i Posti Tappa
×le Tappe
×Galleria Fotografica